Pulizia visiva: fare chiarezza sulle linee guida regolatorie

Thomas Altmann, responsabile tecnico globale, validazione della pulizia

Pulizia visiva: fare chiarezza sulle linee guida regolatorie

"Pulizia visiva" è un termine utilizzato da quasi tutte le autorità regolatorie farmaceutiche (FDA, PIC/S, GMP).  In parole semplici, le apparecchiature utilizzate nella produzione di farmaci devono essere ispezionate per verificarne visivamente la pulizia prima dell'uso1.

È molto logico, ma pochi sanno esattamente cosa sia una pulizia visiva nelle procedure operative standard e come documentarla ai fini della validazione della pulizia.  Le domande più comuni sono:

  • Che aspetto hanno i residui?
  • Qual è la soglia visiva?
  • In che modo il materiale di fabbricazione influenza l'aspetto?
  • Con quale frequenza gli ispettori devono effettuare un controllo della vista?

Di seguito viene fornita una breve argomentazione per ognuno di questi quesiti.

 

Che aspetto hanno i residui?

I nostri ispettori devono sapere cosa cercare quando controllano le apparecchiature.  Soprattutto, devono essere in grado di distinguere i residui dei processi industriali dai residui lasciati da detergenti e disinfettanti e come apparirebbero bassi livelli di ogni tipo di residuo.  Inoltre, gli ispettori devono conoscere l'aspetto di una superficie visivamente pulita, compresi il colore degli acciai, graffi o altri danni che non influenzano la successiva fase di produzione.

Ad esempio, spesso i principi attivi farmaceutici (API) sono sotto forma di polveri e i residui dei detergenti possono apparire come macchie sulla superficie.

 
Pulizia visiva: fare chiarezza sulle linee guida regolatorie

I residui degli API spesso sono polveri

Pulizia visiva: fare chiarezza sulle linee guida regolatorie

I residui dei detergenti spesso sono macchie

I residui dei detergenti spesso non vengono individuati dagli ispettori della "pulizia visiva".  I produttori farmaceutici che utilizzano detergenti destinati all'uso con cibi e bevande devono essere consapevoli del fatto che possono rimanere residui di sostanze non idrosolubili, come anticorrosivi o sufattanti specifici, i quali possono reagire in modo imprevisto con i residui degli API ed essere trasferiti nel prodotto lavorato derivante.

 

In che modo il materiale di fabbricazione influenza l'aspetto?

I residui possono avere aspetti diversi a seconda del materiale usato per fabbricare l'apparecchiatura da ispezionare.  Circa il 90% delle apparecchiature utilizzate nella produzione farmaceutica è in acciaio inossidabile, mentre il restante è realizzato in vetro, gomma e polimeri come il Teflon e l'EPDM.

Quando si selezionano le apparecchiature e si formano gli ispettori, bisogna tenere presente che l'individuazione dei residui sulle superfici polimeriche è più complicata rispetto alle apparecchiature in acciaio inossidabile.

Ciò detto, le apparecchiature in acciaio inossidabile esposte a temperature elevate possono scolorire con il tempo, rendendo più difficoltoso identificare i residui rispetto a quando erano nuove.  Tutte le superfici delle apparecchiature graffiate dovranno essere lucidate (se possibile) o sostituite quando non è più possibile verificare con sicurezza la pulizia visiva.

Pulizia visiva: fare chiarezza sulle linee guida regolatorie

Gli ispettori devono essere istruiti a individuare come ogni tipo di residuo appare su ogni tipo di superficie

Pulizia visiva: fare chiarezza sulle linee guida regolatorie

L'aspetto dei residui può essere influenzato dalle differenti finiture dei materiali (acciaio inossidabile, Teflon o acciaio inossidabile nuovo/lucidato rispetto a scolorito)

Qual è la soglia visiva?

La soglia visiva è il livello di concentrazione al quale un API o residuo diventa visibile.  I produttori devono determinare la soglia visiva di ogni API o residuo, e quindi paragonarla al livello al quale l'API o residuo diventa tossicologiamente significativo.  Se la soglia visiva è inferiore al livello tossicologico significativo prederminato per quell'API o residuo della pulizia, allora la pulizia visiva è un parametro valido.

L'analisi seguente mostra la concentrazione alla quale il paracetamolo (un API con un rischio relativamente basso) diventa visibile.

Pulizia visiva: fare chiarezza sulle linee guida regolatorie

Con quale frequenza gli ispettori devono effettuare un controllo della vista?

Le linee guida non sono specifiche in merito.  Molte aziende oggi richiedono che tutti gli operatori che effettuano le ispezioni visive si sottopongano obbligatoriamente a un controllo della vista ogni anno.

Non è un obbligo di legge.  Peraltro, se i tuoi processi di pulizia vengono messi in dubbio, documentare che hai fornito un training adeguato ai tuoi ispettori e questi hanno effettuato controlli della vista regolari sarà fondamentale per convincere le agenzie regolatorie che hai fatto tutto ciò che si poteva ragionevolmente pretendere da te.

 

Hai altre domande?

Per ulteriori informazioni sulle migliori pratiche e le linee guida per la pulizia visiva, contatta Ecolab Life Sciences.  Siamo presenti nei centri farmaceutici di tutto il mondo e possiamo fornire maggiori dettagli sul modo in cui i produttori hanno implementato la pulizia visiva nei loro programmi di validazione della pulizia.


1FDA - CFR 21 Parte 211.67 necessaria al punto (6) Ispezione delle apparecchiature per la pulizia immediatamente prima dell'uso

2Pharm. Ind. 62, Nr. 6 (2000) Buscalferri et al. − Reinigungsvalidierung

 

Ecolab Life Sciences

Ecolab Life Sciences

La Divisione Life Sciences di Ecolab è dedicata allo sviluppo dei migliori prodotti e servizi possibili per supportare i nostri clienti nelle industrie farmaceutica e dei prodotti per la cura personale.

Articoli correlati sull'industria farmaceutica