1. Pagina iniziale
  2. Rendiamo l'acqua il capitolo numero uno della storia del clima

Rendiamo l'acqua il capitolo numero uno della storia del clima

Boat in glacial waters

Sapevi che l'Accordo di Parigi sul clima non cita affatto l'acqua? Per quanto possa sembrare strano,
dato che il cambiamento climatico e la scarsità d'acqua sono strettamente collegati, è proprio così.

Anche se le emissioni di gas serra hanno conseguenze sul cambiamento climatico, i loro effetti hanno notevoli ripercussioni anche sull'acqua. L'innalzamento del livello del mare, la siccità, le piogge eccessive
e lo scioglimento dei ghiacciai hanno come fattore comune l'acqua. Sia essa troppa o troppo poca,
si trova comunque nei posti in cui ce n'è meno bisogno.

Anche il modo in cui usiamo l'acqua oggi contribuisce al cambiamento climatico. L'acqua è fondamentale
per tutto ciò che facciamo nell'economia mondiale. Ne abbiamo bisogno per ottenere alimenti, per generare energia e per il funzionamento delle industrie che producono i beni che utilizziamo o consumiamo ogni giorno. Il problema è che l'acqua ha un peso considerevole. Per poterla utilizzare, occorre pomparla, riscaldarla
e trattarla. E questo richiede energia, il che genera ancora più emissioni di gas serra.

Per questo l'acqua dovrebbe essere il capitolo uno della storia del clima. Ed è per questo che è un bene
che l'acqua stia finalmente ottenendo un posto di spicco nel dibattito globale sul clima.

Ieri, durante la settimana del clima delle Nazioni Unite a New York, è stata lanciata una nuova commissione globale indipendente sull'adattamento, guidata dall'ex segretario generale Ban Ki-moon, dal fondatore
di Microsoft Bill Gates e dal CEO della Banca Mondiale Kristalina Georgieva. Una delle sue aree di maggiore interesse è l'acqua. È una buona notizia, ma non è sufficiente.

In base alle proiezioni delle Nazioni Unite, entro il 2030 ci ritroveremo ad affrontare una diminuzione
della disponibilità di acqua dolce del 40%, se il mondo continua a utilizzare le risorse idriche con i ritmi attuali. Al momento, già due miliardi di persone vivono in regioni soggette a stress idrico. E questa cifra è destinata
a crescere. Più di 800 milioni di persone non hanno ancora accesso all'acqua potabile di base.

Nelle regioni sviluppate, il commercio è responsabile del 40-60% del consumo totale di acqua. Man mano
che i Paesi in via di sviluppo diventano più ricchi, i loro modelli di utilizzo tendono verso livelli analoghi.
Ciò significa che non è possibile risolvere la scarsità d'acqua senza coinvolgere il commercio e che noi,
in qualità di leader commerciali, dobbiamo usare la nostra influenza collettiva per parlare di acqua
e per metterla in cima all'ordine del giorno.

E, cosa ancora più importante, dobbiamo dare il buon esempio. Unendo le forze e impegnandoci insieme, possiamo ridurre il nostro consumo collettivo d'acqua, abbassare proporzionalmente le emissioni di carbonio, creare un'economia mondiale più indipendente dal clima e dall'acqua e iniziare ad affrontare le disuguaglianze globali in fatto di risorse idriche. 

La maggior parte della tecnologia di cui abbiamo bisogno per fare tutto ciò è già disponibile ora.
Anche non inventando nulla di nuovo (cosa di per sé improbabile), abbiamo già sensori intelligenti, soluzioni
di analisi avanzate e basate sulla natura per ridurre, riutilizzare e riciclare l'acqua come mai prima d'ora.

Non solo è la cosa giusta da fare, ma è anche un'ottima scelta commerciale. Risparmiare acqua fa risparmiare denaro, perché aumenta l'efficienza e diminuisce i costi energetici. Quando si tratta di acqua, il profitto
e il bene collettivo vanno di pari passo.

Abbiamo l'opportunità unica di essere la forza motrice di una trasformazione positiva. Agiamo ora.

Condividi

L'autore

Doug Baker headshot

Douglas Baker, Jr.

Chairman e CEO

Articoli correlati