1. Pagina iniziale
  2. Cinque modi in cui è cambiato il nostro modo di mangiare e l'impatto sulla sicurezza alimentare

Cinque modi in cui è cambiato il nostro modo di mangiare e l'impatto sulla sicurezza alimentare

Woman in grocery store image for Ruth Petran blog

Queste richieste hanno generato considerevoli cambiamenti nell’industria alimentare e la questione è come continuare a garantire la sicurezza dei cibi. Ecco le principali cinque tendenze alimentari che influiscono notevolmente sul modo in cui preserviamo la sicurezza dei cibi.

1. Alimentazione personalizzata
I tempi in cui i tuoi amici e vicini mangiavano più o meno quello che mangiavi tu sono ormai solo un lontano ricordo. Oggi, invece, vi è un'immensa possibilità di scelta, che permette di seguire una dieta personalizzata in base alle proprie esigenze e ai propri desideri. La rosa di scelte va dalle opzioni della dieta chetogenica alle proteine
di origine vegetale, passando per gli alimenti e le bevande contenenti CBD, un composto della cannabis attualmente sotto i riflettori dei media, soprattutto in alcune regioni degli Stati Uniti.

Questa elevata personalizzazione rende indispensabile avere un atteggiamento proattivo rispetto alla comprensione e alla prevenzione di possibili rischi derivanti da alimenti e ingredienti nuovi, meno noti all'industria alimentare.
Ciò implica anche la conoscenza delle nuove normative sulla sicurezza alimentare. Per esempio, in futuro dovremo aspettarci ulteriori indicazioni regolamentari sui sistemi di consegna dei cibi.

2. Etichette chiare
Essendoci ora una varietà di cibi mai vista prima, i consumatori chiedono maggiore semplicità e trasparenza relativamente agli ingredienti degli alimenti. La domanda di "cibo pulito" coinvolge diversi fattori, tra cui l'assenza di conservanti e il poter riconscere gli ingredienti facilmente.

Privare il cibo dei conservanti, ivi compreso il sodio, può tradursi in una più breve durata degli alimenti. Per questo abbiamo bisogno di metodi ancor più innovativi per mantenere elevata la qualità e la sicurezza alimentare.
Dal punto di vista della reputazione del marchio, ciò significa che le aziende devono dimostrare maggiore trasparenza e rispondere più velocemente alle richieste di informazioni da parte dei consumatori sulle pietanze
 che consumano.

3. Cibi internazionali
In un mondo sempre più interconnesso, abbiamo la possibilità di poter provare specialità internazionali
come mai prima d'ora. Ci riforniamo più cospicuamente di cibo, soprattutto pesce, da Paesi come Cina, Thailandia, Canada, Indonesia, Vietnam ed Ecuador.

A volte consumiamo cibi che hanno percorso lunghe distanze prima di arrivare sui nostri piatti, il che potrebbe costituire un rischio maggiore per la qualità dei cibi. Tale rischio è potenziato dall'eterogenità delle normative
sulla sicurezza alimentare e della loro attuazione nelle diverse parti del mondo.

4. Crescita dell'e-commerce
Secondo il Food and Health Survey 2017 dell'International Food Information Council, il 55% dei millenial considera
la comodità un fattore fondamentale quando si tratta dell'acquisto di alimenti. Non sorprende che siano proprio loro a trainare la crescita della consegna a domicilio di cibo. Infatti, i ristoranti che non offrono tale servizio sono quelli più a rischio di perdere clienti.

Con l'aumento di popolarità della consegna a domicilio di cibi, i ristoranti (e le aziende che gestiscono questo servizio), dovranno prendere in considerazione i rischi introdotti da questa nuova modalità di acquisto. I timori principali riguardano il controllo della temperatura e la riduzione al minimo del rischio di una possibile contaminazione incrociata.

5. Aumento della domanda di alimenti sicuri
Oltretutto, i protagonisti dell'industria alimentare si ritrovano a fronteggiare una domanda crescente da parte
di una popolazione in continuo aumento e che ha bisogno di più calorie, e inoltre i governi inaspriscono le norme sulla sicurezza alimentare.

Il cammino da seguire prevede strategie uniformi per la gestione del rischio legato alla sicurezza alimentare,
che includano una cultura aziendale ancor più solida su questo tema. Il mondo va verso una gestione più complessa e proattiva della sicurezza alimentare, che determinerà il successo o l'insucesso nella salute pubblica.

Condividi

L'autore

Ruth Petran

Ruth Petran

Vicepresidente, Ricerca, sviluppo
e ingegneria, Sicurezza alimentare
e salute pubblica

La dott.ssa Ruth Petran offre competenza e consulenza tecnica a clienti interni ed esterni su problemi relativi alla sicurezza alimentare e alla salute pubblica identificando tendenze emergenti e nuove strategie di controllo in materia di sicurezza alimentare.

Prospettive aggiuntive