mappaafrica

Approvvigionamento etico

I nostri fornitori aderiscono ai principi globali fondamentali della dignità umana. Gli standard di approvvigionamento etico sono ciò su cui si basa la nostra iniziativa della catena di approvvigionamento globale, che richiede ai nostri fornitori diretti di proteggere la salute, la sicurezza e i diritti umani dei loro collaboratori. Non conduciamo affari con fornitori che non aderiscono ai principi fondamentali della dignità umana e dei diritti dei lavoratori a un trattamento equo e non discriminatorio.

  1. Pagina iniziale
  2. Sostenibilità
  3. Responsabilità del prodotto
  4. Approvvigionamento etico

Contatti

Contattaci

Ecolab Global Headquarters
Office of Corporate Sustainability
1 Ecolab Place
St. Paul, MN 55102

Invia commenti e suggerimenti utilizzando il modulo, e il nostro team per la sostenibilità aziendale con sede a St. Paul sarà felice di aiutarti.

Rispetto degli standard di approvvigionamento etico

I fornitori devono soddisfare i nostri standard in materia di lavoro forzato, lavoro minorile, salute e sicurezza sul posto di lavoro, retribuzione equa, molestie, diversità ed etica, e politiche ambientali. I nostri fornitori sono tenuti a identificare e agire rapidamente per eliminare qualsiasi condizione o pratica inaccettabile presente nelle loro sedi. I requisiti dei nostri fornitori si basano su standard internazionali, tra cui la Dichiarazione dei diritti umani delle Nazioni Unite, la Convenzione sui diritti del fanciullo delle Nazioni Unite e le Convenzioni dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro, inclusi i suoi Principi e diritti fondamentali del lavoro.

Verifica. Al fine di valutare e affrontare i rischi legati al traffico di esseri umani e alla schiavitù nelle catene di approvvigionamento, Ecolab ha sviluppato una valutazione etica dettagliata dei fornitori che questi ultimi devono completare per verificare la conformità ai requisiti di approvvigionamento etico di Ecolab. Ecolab ha richiesto ai nostri fornitori principali nelle categorie di prodotti chimici, imballaggi, apparecchiature e produzione conto terzi di completare la valutazione, e continuiamo ad ampliare il numero e la portata dei fornitori tenuti a completare le pratiche gestionali e la performance specifica relative alla protezione dei diritti umani dei loro dipendenti e all'eliminazione della schiavitù e del traffico di esseri umani. Al momento, Ecolab non conduce audit interni dei fornitori relativamente alla schiavitù e al traffico di esseri umani nelle catene di approvvigionamento, ma sta valutando la possibilità di espandere il suo programma di valutazione esistente allo scopo di garantire la conformità agli standard in materia di traffico di esseri umani e schiavitù.

Certificazione. Ecolab richiede a tutti i fornitori di rispettare i regolamenti governativi applicabili, così come le politiche e le procedure di Ecolab. A tale scopo, nel 2012 abbiamo introdotto il requisito di certificazione nella nostra valutazione etica del fornitore.

Responsabilità. I dipendenti di Ecolab devono assicurarsi di soddisfare i nostri standard in materia di schiavitù e traffico di esseri umani come descritto nel Codice di condotta di Ecolab. Il Codice di condotta prevede che dipendenti e collaboratori si impegnino nella selezione etica delle fonti di approvvigionamento. Inoltre, spiega chiaramente che tutti i fornitori, gli agenti e i consulenti di Ecolab hanno l'obbligo di conformarsi ai regolamenti governativi applicabili e alle politiche e procedure dell'azienda

Training. Ecolab fornisce training sulle politiche e sulle procedure di approvvigionamento etico ai nostri dipendenti della catena di approvvigionamento, nonché ai nostri fornitori.

Minerali dei conflitti

Nel 2014, abbiamo concluso un processo per la gestione dei minerali dei conflitti (stagno, tungsteno, tantalo e oro, collettivamente noti come i 3TG) nella nostra catena di approvvigionamento e presentato il nostro primo Rapporto sui minerali dei conflitti per l'anno 2013 come previsto dalla Commissione statunitense per i titoli e gli scambi (SEC)*. La nostra infrastruttura per la gestione dei minerali dei conflitti fondata nel 2014 include rigidi sistemi di gestione dell'approvvigionamento e della comunicazione dei fornitori. Nel corso degli anni abbiamo realizzato una serie di miglioramenti dei processi, tra cui un maggior coinvolgimento dei fornitori e un ulteriore ampliamento del campo dei materiali da analizzare. Il nostro lavoro ha identificato nella porzione delle apparecchiature della nostra catena di approvvigionamento la fonte quasi esclusiva di possibili minerali dei conflitti e, pertanto, nei pochi casi in cui mettiamo nel commercio delle apparecchiature, abbiamo stabilito un processo per fornire in modo efficace una comunicazione inerente i 3TG ai clienti allo scopo di semplificare la loro reportistica SEC.

Il nostro Rapporto sui minerali dei conflitti per l'anno di riferimento 2016 è disponibile qui.

*In risposta all'Articolo 1502 del Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act approvato dalla Commissione per i titoli e gli scambi degli Stati Uniti nel mese di agosto 2012.

CFSIMemberLogo
Policy sui "minerali dei conflitti"

Ecolab ha sviluppato e adottato una politica ufficiale sui Minerali dei conflitti in cui vengono descritti l'impegno della nostra azienda e le aspettative per i nostri fornitori.

Siamo membri del CFSI. Per maggiori informazioni sull'iniziativa, visita www.conflictfreesourcing.org/.